Umbria verde – Parte prima

Tra l’organizzazione di una partenza e l’altra – che purtroppo non sono mie – finalmente riesco a dedicarmi un po’ di tempo per riabbracciare il mio Blog e raccontarvi dell’ultimo weekend trascorso in giro per l’Italia, in un angolo di aria fresca e pulita, tutto colorato di verde.

Nato per caso, come quasi tutti i miei spostamenti mordi e fuggi, questi due giorni in Umbria si sono rivelati un piccolo sogno, circondati di silenzio e di maestosità.

Partiti un sabato mattina alla volta di Terni, la prima tappa è stata Narni, borghetto medievale alle porte della Regione.

Sarà che siamo arrivati proprio a ora di pranzo, ma per le strade non c’era quasi nessuno e i pochi negozietti erano tutti chiusi (uff!!!).

Narni_centro

Narni_veduta

Abbiamo avuto modo però di fare un breve giro in centro ed apprezzare la bellezza del paese.

Subito dopo, destinazione Lago di Piediluco…in verità, ho detto ad Aramis di andarci, ma ero parecchio perplessa. Non ero riuscita a trovare nulla di abbastanza descrittivo sulla località, anche se era suggerita da parecchi…bah!

Ci incamminiamo e…spettacolo!!!! Da uno scorcio in fondo ad una strada improbabile ammiriamo uno paesaggio romanticissimo! ❤

Lago_Piediluco_2

Il lago è avvolto dal silenzio e dalla pace e intorno è tutto verde.

Chiediamo al gestore del locale in cui siamo finiti senza volerlo (la strada era a vicolo cieco) se è possibile fare un piccolo giro intorno e lui ci dice di prenderci tutto il tempo di cui avevamo bisogno per rilassarci un po’ e ci suggerisce, dopo, di andare alla parte opposta per visitare il paese.

Approfittiamo della gentilezza e ci fermiamo sulle tante sdraio collocate in riva al fiume e il mondo sembra fermarsi un attimo…che dolcezza tutt’intorno!!! Guardiamo il lago immobile ma non ci annoiamo mai!

La curiosità, però, è tanta, così dopo una mezz’oretta decidiamo di seguire il suggerimento e spostarci sul versante opposto.

Tempo 10 minuti, parcheggiamo e ci incamminiamo per quello che sembra essere il centro del paese.

In realtà, anche qui è tutto silenzioso e quasi deserto ma una stradina attira la nostra attenzione, a cui fortunatamente diamo ascolto: è la strada che porta al lungolago! 🙂

Camminiamo proprio a un passo dall’acqua e ci sembra di essere in una valle incastonata nel verde, sicuramente paragonabile al più bello dei paesaggi norvegesi.

Lungolago_Piediluco_1

Lungolago_Piediluco_2

A me sarebbe piaciuto tanto noleggiare un pattino per girare da sola nel lago, ma erano tutti terminati, così accogliamo l’invito a salire su un battello.

Il giro costa 5 euro e dura circa 45 minuti o poco più, ma è incantevole.

A parte le spiegazioni del “conducente” che ti fanno conoscere un po’ meglio il luogo, riesci davvero a sentirti parte della natura, senza essere invadente o fuori luogo.

Piediluco_battello_1

Piediluco_battello_2

Piediluco_battello _3

Al termine, ringraziamo di cuore e ci avviamo nuovamente all’auto, per la prossima ultima destinazione della giornata: Arrone.

Anche questo è un borgo medievale minuscolo in cui – contando la salita al castello – impieghi 30/40 minuti per visitarlo tutto…ma le case caratteristiche, i balconi curati e fioriti, la preparazione per la festa di paese, valgono sempre la pena.

Arrone_centro

Arriva finalmente poi il momento di raggiungere il nostro albergo: avendo organizzato tutto all’ultimo secondo, trovo difficoltà a prenotare nelle strutture che avevo adocchiato qualche tempo prima, così mi “accontento” di un hotel a Montefranco, che sembra molto caratteristico e romantico…

…impressione confermata!!!! 😀

L’albergo si chiama Rocca Ranne ed è ricavato da alcuni palazzi crollati durante il terremoto; è stato completamente ristrutturato, mantenendo però le mura in pietra sia all’esterno che nelle stanze.

Hotel_RoccaRanne_stanze

Hotel_Roccaranne_vista

Che dire? Struttura piccolina con camere raccolte, dotate di tutto ciò che ti aspetti di trovare in un tre stelle ben fornito, ma soprattutto…un ristorante che divino è dir poco!

Abbiamo mangiato su una terrazza che affacciava sulla Valnerina e sul borgo, alla luce di qualche piccolo lampione e della luna. Non so dirvi se stavo sognando, ma siccome ho ancora in bocca il sapore di quelle pietanze tipiche e gustose, credo sia stata pura realtà!

Personale gentilissimo e location incantevole…unico neo: mancavano gli oscuranti alle finestre così – finalmente per la mia gioia – per una notte non abbiamo dormito al buio! 😉

Ora dovrei raccontarvi della domenica, ma credo proprio che ciascuna di queste meravigliose giornate meriti un proprio post, per cui…alla prossima! ^_^

(ecco qui il post dedicato alla giornata di domenica e alla visita della meravigliosa Cascata delle Marmore)

Annunci

One thought on “Umbria verde – Parte prima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...